martedì 20 giugno 2017

Alessandro Cicerchia - "Cardiaco"

Mi risveglio. Ma non lo capisco.
Ecco che lo risento, batte, sbatte.
È stato investito.
Perché è lei che mi ha investito.
Cardiacamente scompensato,
indago perseguitando una soluzione che non c'è
tormentato, soffro come un cane
che non mangia da anni,
ma che tuttavia tira avanti.
Mi prometto di non pensarci,
ma è impossibile perché pensandola in sogno,
quel fiume implacabile di emozioni,
mi ritorna sempre in mente.
È una realtà crudele, che però realtà non è
E che così sarà per sempre...


Alessandro Cicerchia 3F

Nessun commento:

Posta un commento